Francesco Tani Francesco Saverio Tani, classe 1997.

Francesco Saverio Tani nasce a Forlì nel 1997. Frequenta il Liceo Artistico Antonio Canova seguendo corsi di pittura, scultura e architettura; indirizzo in cui si diplomerà nel 2016. Prosegue la passione per l’architettura anche all’università iscrivendosi al Politecnico di Milano, (polo territoriale di Piacenza) dove conseguirà la laurea nel febbraio 2020. Durante gli anni della triennale scopre la passione per la fotografia e, soprattutto, per la post-produzione digitale che porterà avanti parallelamente agli studi architettonici. Utilizza Photoshop per realizzare numerosi ritratti ed autoritratti, dai toni sperimentali e concettuali; che vengono poi pubblicati sui social network. Completato il percorso al Politecnico decide di non proseguire nella carriera di architetto, ma di portare avanti la sua passione per la visual-art. Passione che nel mentre gli ha fruttato diverse collaborazioni con altri artisti, lavori nel campo della fotografia di moda e pubblicazioni su diversi magazine. Negli anni si è creato un team creativo con cui non ha mai interrotto l’organizzazione di set fotografici, sia per la realizzazione di progetti personali, sia per lavori free-lance.

POETICA

Le sue opere enfatizzano e manipolano l’immagine del corpo, spingendo la sua anatomia oltre ai limiti del prevedibile e generando creature surreali ed ironiche. Le conseguenze di questa alchimia digitale sono esseri post umani, la cui eccezionalità trova posto in sconfinate e misteriose oasi virtuali.

Filtri Attivi Cancella Filtri