Geraldina Khatchikian è nata a Bologna nel 1992.

Dopo aver frequentato un corso in Jewelry Design all'istituto IED di Milano e diversi workshop, frequenta un laboratorio di pittura, che diventerà poi la sua vocazione.

Nell'estate del 2018 frequenta il corso "Art World Basics forArtists" al Sothesby's institute of Art di New York con il visual artist Jonathan Vandyke e la Ceo di “Canvas Fine Art” Suzanne Shultz.

Ciascuna delle sue tele nasce intorno a un costrutto emotivo, che elabora in chiave sensoriale e traduce in colore come una narrazione. Sono dipinti stratificati, materici, dove la plasticità del colore raccoglie gli echi dell’arte orafa. Sviscerando il concetto protagonista della tela, lo rende tangibile e al tempo stesso indescrivibile.
Ama fare leva sul meccanismo di pareidolia e sulla sua matrice inconscia, sia in corso d’opera sia nel risultato finale. È un caos psicologicamente onesto, nudo e aperto,inesplicabile e travolgente.

Ogni lavoro comincia con una domanda e genera un viaggio esperienziale il cui traguardo è spesso inaspettato anche per lei.

Filtri Attivi Cancella Filtri