Lidia Perotti nasce nel 1990 in provincia di Lodi.

Si specializza in Arteterapia nel 2018 sotto la guida del prof. Giorgio Bedoni, docente all'Accademia di Belle Arti di Brera e medico psichiatra. Per lei l'Arte è un lungo processo di ricerca che abbraccia sia la conoscenza del materiale pittorico che l'approfondimento di significati appartenenti al mondo universale dell'inconscio. Da sempre attratta dalla sperimentazione di luce ed ombra nel rapporto con la figurazione ed allo stesso tempo attraverso atmosfere astratte e sospese.

Vince nel 2018 il Primo premio pittura astratta ed emozionale al Concorso Internazionale d'Arte Contemporanea I DAUNI di Vieste (FG), e partecipa, nello stesso anno alla XIIesima Edizione della Florence Biennale, alla Fortezza Da Basso di Firenze. Collabora con diverse realtà pubbliche e private sia come artista che come arteterapista in libera professione.

“Amo il fascino della ricerca e dell'esplorazione di mondi e soggetti che vanno oltre il convenzionale. Credo fortemente nella visione "Junghiana" del rapporto tra luce ed ombra, in cui una è essenziale all'altra per raggiungere la consapevolezza. Credo nel linguaggio universale dell'arte nei suoi simboli e nel potere evocativo che ha. Riesco a canalizzare questo approccio attraverso il contatto diretto con la materia che, da sola, vuole creare spazi ed atmosfere senza confini, costruiti soltanto attraverso l'uso della luce, tecnicamente ed emotivamente trattata.“

Filtri Attivi Cancella Filtri